Stop colonialismo - Haiti: Lettera aperta alle istituzioni

Eccellenze,

oggi più che mai, il presente ci chiama a riflettere e a fare analisi sugli avvenimenti che hanno portato il popolo haitiano a vivere in condizioni miserabili.

Vi scriviamo per esprimere il nostro profondo disaccordo nei confronti del passato coloniale e ancor più, verso le azioni neocoloniali che ad oggi si continuano ad attuare sotto forma di accordi di cooperazione militare ed economica che permettono il continuo sfruttamento delle cosiddette ex-colonie.

Esprimiamo inoltre la nostra sete di libertà, di pace, di giustizia e di riconciliazione per la violazione dei diritti e della dignità dell'uomo fatte subire al popolo haitiano attraverso la colonizzazione prima, il rifiuto della restituzione dell'enorme somma sottratta al popolo di Haiti per l'indipendenza poi e il mantenimento di uno stato di dipendenza ed estrema povertà in questi ultimi decenni.

Come cittadini chiediamo la condanna del colonialismo come crimine contro l'umanità perché solo attraverso tale riconoscimento si potrà iniziare un percorso di liberazione dal passato.

Come cittadini crediamo nella possibilità della riconciliazione con tale pesante passato che permetterebbe di superare quella diffusa miscela di rimozione collettiva e razzismo formatasi a causa delle politiche coloniali dei secoli passati.

Come cittadini chiediamo inoltre la presentazione di scuse ufficiali da parte delle più alte cariche dello Stato affinché si possano mettere le basi per un clima di amicizia e collaborazione fra i popoli.

Come cittadini chiediamo infine che tali scuse vengano accompagnate da un giusto risarcimento per le atrocità e i soprusi commessi.

Risarcendo Haiti per i danni della politica coloniale e restituendo allo Stato quanto ingiustamente sottratto, la Francia e gli Stati Uniti possono aiutare Haiti a prendere in mano il proprio destino e a mettere fine all'insopportabile e assurda sofferenza nella quale il popolo haitiano, oggi più che mai, è costretto a vivere ed inoltre possono aiutare se stessi a recuperare la propria dignità di fronte alla storia e a tutte le nazioni del pianeta.

Esigendo il risarcimento, Haiti sarà in grado di ricostruire una pagina della propria storia e di dimostrare che non servono svilenti aiuti umanitari, briciole spacciate come grandi atti di solidarietà, per ridare vita ad una nazione piegata dalla sofferenza e dalle calamità naturali.

Sperando in una presa di posizione favorevole alle nostre richieste, vi porgiamo i nostri migliori saluti.