Newsletter 05/15 - Laboratori sulle riparazioni al FSM 2015

L'organizzazione dei tre laboratori sul tema delle riparazioni Far fronte a razzismo e xenofobia e esigere riparazioni, Riparazioni al colonialismo e Riparazioni per la tratta atlantica degli schiavi, schiavismo e colonialismo – Decennio internazionale ONU per le persone di discendenza africana al Forum Sociale Mondiale 2015 a Tunisi è stata fatta da Coletivo Brasileiro FSM Rumo a Túnis, Colonialism Reparation e World Against Racism Network (WARN). Ai laboratori hanno assistito in totale più di un centinaio di persone di cui una buona parte rappresentanti di altre associazioni.

Relativamente alle riparazioni è stato fatto un punto della situazione rispetto alle proposte fatte nell'Assemblea di convergenza Per finirla con il razzismo, la xenofobia e le discriminazioni che sono le basi del colonialismo tenuta al Forum Sociale Mondiale 2013 a Tunisi:

Pressioni per arrivare alla proclamazione da parte delle Nazioni Unite del 2015-2024 Decennio internazionale per le persone di discendenza africana come richiesto da anni dalla coalizione Durban+10.

Appoggio alla richiesta da parte della Comunità caraibica di riparazioni per il genocidio dei nativi e lo schiavismo.

Presentazione al Parlamento Europeo di una Dichiarazione scritta sull'istituzione di una Giornata europea in riconoscimento delle vittime del colonialismo europeo e della schiavitù coloniale, purtroppo firmata solo da 116 deputati e quindi decaduta.
Creazione di una Commissione Europea per le Riparazioni sul modello di quelle caraibiche.

Adozione da parte del Comune di Sainte-Anne in Martinica di una clausola di trasparenza che obbliga i propri fornitori a dichiarare eventuali profitti ottenuti dallo schiavismo.

Appello per la Giornata internazionale per le riparazioni lanciato il 12 ottobre 2013 e celebrato annualmente.

Grazie al lavoro svolto dai riparatori presenti a Tunisi si è riusciti infine a inserire le riparazioni come uno degli obiettivi dell'Assemblea di convergenza dei Movimenti Sociali, che finora aveva fatto cenno alle riparazioni solo nel 2006: "[...] Per la pace e contro la guerra, le occupazioni e la militarizzazione dei nostri territori. Noi denunciamo il falso discorso della difesa dei diritti umani e delle lotte ai fondamentalismi, che sono sovente utilizzati per giustificare gli interventi militari. Noi difendiamo il diritto alla sovranità e all'autodeterminazione dei popoli. Noi denunciamo l'installazione di basi militari straniere per fomentare dei conflitti, controllare e saccheggiare le risorse naturali e promuovere delle dittature in diversi posti del mondo.
Noi esigiamo delle riparazioni per tutti i popoli del mondo vittime del colonialismo. [...]".

Colonialism Reparation si rallegra che le riparazioni per tutti i popoli del mondo vittime del colonialismo siano state inserite come uno degli obiettivi dell'Assemblea di convergenza dei Movimenti Sociali, che finora aveva fatto cenno alle riparazioni solo nel 2006, del Forum Sociale Mondiale 2015 a Tunisi.