RIPARAZIONE DEL COLONIALISMO

Affinché i colonialismi di ieri e di oggi non si ripetano domani

Chi siamo

Colonialism Reparation fa parte del movimento per la condanna, la riconciliazione, le scuse e il risarcimento del colonialismo.

E' stato ideato nel 2008 da un volontario dell'associazione italiana "Battito solidale" che grazie ai frequenti viaggi in Guinea e Senegal ha avuto modo di rendersi conto di quale disastroso impatto abbia ancor oggi il colonialismo nella vita quotidiana di miliardi di persone e di come in molte nazioni la situazione attuale non sia altro che il suo camuffato proseguimento.

Nei due anni successivi un grosso lavoro di ricerca ha permesso di pubblicare un quadro complessivo, dalle sue origini ai giorni nostri, della riparazione del colonialismo e della posizione presa dalle singole nazioni rispetto ad esso.

Nel 2011 il primo nucleo di volontari ha costituito l'associazione che si muove a livello internazionale ed è aperta al contributo di tutti quelli che aderiscono positivamente alle sue iniziative.

Colonialism Reparation promuove, sostiene e diffonde attività nonviolente dirette a creare coscienza dell'attuale situazione mondiale e favorire così la realizzazione dell'obiettivo

  • che le nazioni colonizzatrici condannino il proprio passato coloniale riconoscendolo come crimine contro l'umanità e le nazioni colonizzate facciano pressione affinché questo avvenga
  • che le nazioni colonizzatrici si riconcilino con il proprio passato prendendone definitivamente distanza presentando ufficialmente le proprie scuse alle nazioni colonizzate
  • che le nazioni colonizzatrici risarciscano per le atrocità e i soprusi commessi le nazioni colonizzate permettendo un miglioramento delle condizioni economico-sociali.

E' necessario e gradito il contributo di tutti quelli che riconoscono l'importanza di questa attività per la creazione di un clima di amicizia e collaborazione tra i popoli e come precedente estremamente positivo a livello di relazioni internazionali, favorendo la supremazia della "forza dei diritti" sul "diritto della forza".

Schiavo che spezza le catene - Università Gamal Abdel Nasser - Conakry - Guinea

Sei qui: Chi siamo